Come nasce un brano progressive? Da cosa si parte prima? Dalla musica? Da un testo? Chi compone e scrive canzoni all'interno del gruppo? Qual è il vostro metodo di scrittura e di arrangiamento?

Sono tutte domande che prima o poi viene voglia di porre all'artista di riferimento e oggi vi sveleremo qualche retroscena su noi della FEM....

Innanzitutto partiamo col dire un concetto generale: l'ispirazione e la vena creativa uno può averla o non averla come dote naturale ma una cosa è certa:  si può stimolare in mille modi, c'è la possibilità di "indursi in composizione" e riuscire a farsi venire qualche buona idea dal niente!

Nel nostro caso, abbiamo organizzato la band affinchè ognuno avesse più spazio e libertà di agire nei campi dove esprime le sue potenzialità al meglio.

Generalmente l'idea musicale viene da Alberto ed Emanuele; magari un semplice fraseggio che subito mettiamo per iscritto su pentagramma, fissandolo; oppure un testo già cantabile che avrà bisogno di un'introduzione e di una conclusione. Dopodichè è fondamentale dedicare del tempo per "metabolizzare" l'idea e studiare nel dettaglio il suo sviluppo. Non si lascia mai nulla al caso! I testi, in buona parte curati da Emanuele, danno molto spazio all'introspezione e a temi ad essa collegata e, non di rado, sono tratti dalle sue poesie.

I due, poi, si incontrano e suonano le rispettive idee, contagiandosi a vicenda e dando, molto spesso, un taglio abbastanza definitivo al brano. Si cerca sempre di favorire la bellezza della melodia anzichè il virtuosismo personale anche se, com'è giusto che sia nel prog, c'è grande spazio per tutti per mettersi in bella evidenza con qualche parte complicata! Viene trascritto su pentagramma e fatto girare agli altri ragazzi che sviluppano ulteriormente le idee e le mettono, a loro volta, nero su bianco. Ecco che il brano è pronto per entrare nella nostra sala prove! Ed è sempre un'emozione per tutti trovarsi e provare per la prima volta il brano in questione e vedere come, dal nulla, nasce la magia di un pezzo!

Data la complessità delle parti, per noi è fondamentale scrivere lo spartito: si accorciano i tempi di preparazione, si eseguono sempre le stesse note e si ha il vantaggio che, in un futuro, si potrà avere qualcosa di chiaro e preciso a cui fare riferimento per prepararsi.

Quando osservate uno spartito della FEM, statene certi: c'è il sudore e la passione di tutti!  

Ovviamente, suonandolo, emergono i punti di forza e le debolezze del brano. Ci si concentra su entrambe le cose e si prova, si prova, si prova... finchè non c'è più bisogno di guardarsi negli occhi.

Adesso il brano è pronto per entrare nel repertorio, essere eseguito dal vivo e registrato!    

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
Category: Epsilon
Share